La dolcissima E.

Tra i brevi testi di divulgazione che ho pubblicato qui sul mio sito, ce n’è uno che riguarda la Sindrome dello Spettro Autistico.

In questo testo riporto a grandi linee cosa la musicoterapia può fare in questo contesto e come può essere da supporto alle altre terapie messe in atto per questo tipo di utenti.

Da qualche settimana seguo una bimba alla quale è stata diagnosticata questa Sindrome. Essendo io una persona trasparente, non nascondo che è la mia prima utente in questo contesto. La mia preparazione come musicoterapeuta, lo studio continuo della mia disciplina e di quelle correlate, oltre alla collaborazione costante con la famiglia e con chi si occupa della bambina quotidianamente, mi hanno permesso di prenderla in carico con coscienza.

Ciò che mi ha sorpreso più di tutto durante queste prime sedute con la piccola E. (non uso un nome di fantasia, ma non rivelo il suo nome per questione di privacy) è l’intensità emotiva dei nostri incontri. Fin dall’inizio E. ha apprezzato gli strumenti messi a sua disposizione e, con la sua grande capacità immaginativa, li ha utilizzati sia in modo convenzionale che non convenzionale.

È apparso evidente come il canale sonoro-musicale sia per E. un canale di comunicazione privilegiato. Insieme sonorizziamo i suoi giochi e le sue “storie”, di cui lei è la principale protagonista. I suoi giochi sono molto dinamici, e la maggior parte del tempo ci muoviamo per la stanza al ritmo dei tamburi, ma ci sono anche dei momenti di giusto riposo, che sono molto importanti.

Chi conosce la Sindrome dello Spettro Autistico sa quanto sia delicato e difficile il contatto fisico con questi bambini: il regalo più grande che mi ha fatto questa dolcissima bambina è stato, dal secondo incontro, trascorrere parte del tempo dedicato agli ascolti e al riposo in braccio a me…

I miei percorsi di Musicoterapia

Desideri maggiori informazioni? Contattami

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e Art. 13 Reg (UE) 2016/679, nelle modalità di cui alla Privacy Policy del sito.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    © 2024 Paola Prinzivalli - Privacy and cookie Policy