Neuroscienze, Musica e Musicoterapia

Le neuroscienze, soprattutto grazie alle possibilità di indagine in vivo date dalle tecniche di neuroimaging, hanno potuto dare un grande apporto allo studio degli effetti del fare e dell’ascoltare musica sulle aree del cervello. Nella letteratura vengono indagati molteplici aspetti, tra cui: le aree cerebrali implicate nell’ascolto e nella pratica musicale, musica e funzioni cognitive, musica e movimento, ecc. (Peretz & Zatorre, 2003; Peretz, 2006; Schlaug, 2009; Sloboda, 2005; Trainor, 2008; Zatorre, 2003; Zatorre & McGill, 2005).

Levitin & Tirovolas (2009) hanno evidenziato che le aree del cervello coinvolte sono:

    • la corteccia uditiva, nella percezione dello stimolo sonoro;

    • la corteccia visiva, nell’osservazione, ad esempio, dei gesti dello strumentista;

    • la corteccia motoria, nell’attivazione del movimento sollecitato dal suono;

    • la corteccia sensoriale, nell’utilizzo di uno strumento musicale;

    • la corteccia pre-frontale, nell’elaborazione dello stimolo sonoro.

Koelsch (2009; 2010) riporta, inoltre, che i suoni e la musica attivano anche le aree limbiche e paralimbiche del cervello (in particolare l’amigdala, l’ippocampo e il nucleo accumbens) dimostrandone il potenziale effetto che possono avere su aspetti emotivi, relazionali e comportamentali.

Raglio et al., (2015), in uno studio che misura, attraverso l’uso della Risonanza Magnetica funzionale, gli effetti della Musicoterapia Attiva (Active Music Therpy – AMT) su persone senza patologie cerebrali, concludono che i risultati ottenuti sono coerenti con le basi psicologiche dell’approccio attivo in Musicoterapia e con l’attivazione delle aree del cervello coinvolte nei processi menstici e autobiografici, oltre che a quelle coinvolte nelle esperienze significative personali e interpersonali.

Nel contesto della riabilitazione neuromotoria, l’esposizione alla musica, ai suoni, e anche a training musicali specifici, possono portare a cambiamenti plastici nel cervello in punti nodali dei network cerebrali e nei fasci di fibre che connettono le varie aree, anche in età adulta (Altenmüller et al., 2009; Schlaug, 2009), e questo può comportare effetti che perdurino oltre la durata del trattamento stesso (Schlaug, 2009), in quanto il suono agisce sulla connettività corticale e sull’attivazione della corteccia motoria (Altenmüller et al., 2009; Koelsch, 2010).

In particolare, le neuroscienze hanno stabilito il forte nesso tra musica e linguaggio, dovuto alla sovrapposizione di aree cerebrali coinvolte nelle due forme espressive (Koelsch et al., 2002; Patel, 2003; 2008); queste scoperte hanno portato alla formalizzazione scientifica di tecniche musicoterapiche come la Melodic Intonation Therapy (MIT) (Albert et al., 1973; Belin et al., 1996; Kim & Tomaino, 2010; Norton et al., 2009; Thaut et al., 2014).

Inoltre, la musica rinforza ulteriormente il processo riabilitativo favorendo il coinvolgimento emotivo e creando una forte base motivazionale, oltre a rinforzare l’azione grazie all’accostamento tra stimolo sonoro e parte senso-motoria (Bangert & Altenmüller, 2003; Bangert et al., 2006).

Un ulteriore contributo alla comprensione degli effetti della musica e dei suoni, è stato dato dalla scoperta del sistema dei neuroni specchio. Questo sistema è legato alla comunicazione sociale, alla interazione e all’empatia, e gli studi evidenziano che il suono musicale, oltre a essere percepito come segnale uditivo, viene inteso anche come un insieme di atti motori espressivi, una sequenza di azioni, intenzioni, obiettivi, previsioni e rappresentazioni condivise (Molnar-Szakacs & Overy, 2006; Overy & Molnar-Szakas, 2009). Ecco quindi che i suoni e la musica possono avere un ruolo importante nella relazione con l’altro e nella comprensione del mondo emotivo e delle intenzioni altrui, e questo è un elemento importante che si connette alla relazione sonoro-musicale propria degli approcci attivi della Musicoterapia (Raglio, 2015).

Una parte della ricerca neuroscientifica si è focalizzata sul canto: Zarate (2013) mostra che per cantare sono coinvolti network neuronali multipli che servono sia per il controllo vocale, che per l’elaborazione dei feedback sensoriali. «L’organizzazione funzionale del controllo vocale nell’uomo è simultaneamente gerarchica e parallela» (Candela, 2019, p. 25), ed è dimostrato che danni a regioni cerebrali diverse non interrompono tutti i processi vocali (Candela, 2019).

Keeler et al. (2015) indagano l’incidenza del cantare e improvvisare vocalmente in gruppo sul social flow (Csikszentmihalyi, 1975; Bachen & Raphael, 2011; Engeser, 2012), e concludono che l’esperienza di cantare in gruppo promuove un modo di relazionarsi gratificante e piacevole, con una diminuzione dello stress, legato a modificazioni di processi neurochimici, e una sensazione legata all’esperienza di social flow.

Boni (2017) riassume in uno schema grafico come il corpo e il cervello reagiscono alla musica. L’autore, citando diverse fonti della letteratura, evidenzia che, oltre a creare emozione e significato, la musica:

  • innesca altre reazioni del corpo, come il rilascio di diversi neurotrasmettitori utili alla “vitalizzazione” del sistema neurovegetativo;
  • permette una «sincronizzazione sensomotoria, che consiste in una forma di comportamento referenziato, nella quale un’azione è temporalmente coordinata con un prevedibile stimolo esterno» (p. 91);
  • l’attività musicale implica un continuo confronto tra lo stimolo esterno e il patrimonio mnestico della persona, stimolandola a condividere i propri ricordi e così favorendo il mantenimento dell’identità.
Schema grafico delle reazioni di corpo e cervello alla musica. Tratto da Boni, 2017, p. 92

Desideri maggiori informazioni? Contattami

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e Art. 13 Reg (UE) 2016/679, nelle modalità di cui alla Privacy Policy del sito.

    Bibliografia

    Albert, M.L., Sparks, R.W., & Helm, N.A. (1973). Melodic intonation therapy for aphasia. Archives of Neurology, 1973, 29, 130–131.

    Altenmüller, E., Marco-Pallares, J., Munte, T.F., Schneider, S. (2009). Neural reorganization underlies improvement in stroke-induced motor dysfunction by music-supported therapy. Annals of the New York Academy of Sciences,1169, 395–405.

    Bachen, C.M., & Raphael, C. (2011). Social Flow and Learning in Digital Games: A Conceptual Model and Research Agenda. In Ma, M., Oikonomou, A., & Jain, L. C. (Eds).   Serious Games and Edutainment Applications. London (UK): Springer, p. 61–84.

    Bangert, M., & Altenmüller, E.O. (2003). Mapping perception to action in piano practice: a longitudinal DC-ECG study. BMC Neuroscience, 4, 26.

    Bangert, M., Peschel, T., Schalug, G., Rotte, M., Drescher, D., Hinrichs, H., Heinze, J.H., & Altenmüller, E. (2006). Shared networks for auditory and motor processing in professional pianists: evidence from fMRI conjuction. Neuroimage, 30(3), 917–926.

    Belin, P., Van Eeckhout, P., Zilbovicius, M., Remy, P., François, C., Guillaume, S., Chain, F., Rancurel, G., & Samson, Y. (1996). Recovery from nonfluent aphasia after melodic intonation therapy: a PET Study. Neurology, 47(6), 1504–1511.

    Boni, C.A. (2017). Musicoterapia in geriatria: il linguaggio musicale dalla relazione alla stimolazione terapeutica. In Avanzini, G., Boni, C.A., Cattaneo, P., & Lopez, L. (a cura di) (2017). Musicoterapia e relazione. Milano: Franco Angeli.

    Candela, V. (2019). Il cervello che canta. Dispensa del corso “Il canto della voce”, Trento. Non pubblicato.

    Csikszentmihalyi, M. (1975). Beyond boredom and anxiety. San Francisco (US): Jossey-Bass.

    Engeser, S. (Ed). (2012). Advances in Flow Research. New York (US): Springer.

    Keeler, J. R., Roth, E. A., Neuser, B. L., Spitsbergen, J. M., Waters, D. J. M., & Vianney, J.-M. (2015). The neurochemistry and social flow of singing: bonding and oxytocin. Frontiers in Human Neuroscience, 9, 518.

    Kim, M., & Tomaino, C.M. (2010). Protocol evaluation for effective music therapy for persons with nonfluent aphasia. Topics in Stroke Rehabilitation, 15, 555.

    Koelsch, S.A. (2009). A neuroscientific perspective on music therapy. Annals of the New York Academy of Sciences, 1169, 374–384.

    Koelsch, S.A. (2010). Towards a neural basis of music-evoked emotions. Trends in Cognitive Sciences, 14, 131–137.

    Koelsch, S., Gunter, T.C., Cramon, D.Y., Zysset, S., Lohmann, G., Friederici, A.D. (2002). Bach Speaks: a cortical “language network” serves the processing of music. NeuroImage, 17, 956–966.

    Levitin, D.J., & Tirovolas A.K. (2009). Current advances in the cognitive neuroscience of music. Annals of the New York Academy of Sciences,1156, 211–231.

    Molnar-Szakacs, I., & Overy, K. (2006). Music and mirror neurons: from motion to ‘e’motion. Social Cognitive and Affective Neuroscience, 1, 235–241.

    Norton, A., Zipse, L., Marchina, S., & Sclaugh, G. (2009). Melodic intonation therapy: shared insights on how it is done and why it might help. Annals of the New York Academy of Sciences,1169, 431–436.

    Overy, K., & Molnar-Szakacs, I. (2009). Being togheter in time: musical experience and the mirror neuron system. Music Perception, 26, 489–504.

    Patel, A.D. (2003). Language, music, Syntax and the brain. Nature Neuroscience, 6(7), 674 –681.

    Patel, A.D. (2008). Music, language and the brain. New York: Oxford University Press.

    Peretz, I. (2006). The nature of music from a biological perspective. Cognition, 100(1), 1–32 .

    Peretz, I., & Zatorre, R.J. (2003). The congitive neuroscience of music. Oxford (UK): Oxford University Press.

    Raglio, A. (2015). La musicoterapia nelle demenze e in altri ambiti neurologici: dalle premesse scientifiche alla «Evidence Based Music Therapy». (Tesi di Dottorato, Università degli studi di Ferrara). Disponibile da http://eprints.unife.it/1069/

    Sloboda, J. (2005). Exploring the Musical Mind: Cognition, Emotion, Ability, Function. Oxford (UK): Osford University Press.

    Schlaug, G. (2009). Part VI introduction: listening to and making music facilitates brain recovery processes. Annals of the New York Academy of Sciences, 1169, 372–372.

    Thaut, M.H., Thaut, C.P., & McIntosh K. (2014). Melodic Intonation Therapy (MIT). In Thaut, M.H., & Hoemberg, V. (Eds) Handbook of Neurologic Music Therapy. Oxford (UK): Oxford University Press.

    Trainor, L. (2008). Science & music: the neural roots of music. Nature, 453(7195), 598–599.Zatorre, R. (2003). Music and the brain. Annals of the New York Academy of Sciences, 999, 4–14.

    Zarate, J.M. (2013). The neural control of singing. Frontiers in Human Neuroscience, 7, 237.Zatorre, R. & McGill, J. (2005). Music, the food of neuroscience?. Nature, 17(7031), 312 –315.


    © 2021 Paola Prinzivalli - Privacy and cookie Policy