La musica da sola non basta

Quando si entra nel mondo della musicoterapia da musicisti uno dei primi miti che si devono sfatare è quello del potere taumaturgico della musica. Nonostante la musica possa stimolare stati d’animo ed emozioni, anche a livello neurofisiologico, questo non vuol dire che sia di per sé terapeutica.

Continua a leggere

Musicoterapia e spiritualità

La definizione di Musicoterapia della Federazione Mondiale cita come finalità principale quella di raggiungere il benessere fisico, sociale, comunicativo, emotivo, intellettuale e spirituale delle persone e delle comunità per cui si progetta un intervento musicoterapico.

Continua a leggere

Legnetti, cembali e tamburi

Le festività natalizie sono state per me sempre un periodo controverso: da una parte il desiderio di calore e luci, dall’altro l’impatto con alcune situaizoni della vita reale. In età adulta sono riuscita spesso a trovare un equilibrio, anche se a volte a discapito di quella meraviglia ingenua che ci caratterizza da bambini, alimentando il disincanto.

Continua a leggere

Scoprire se stessi

Fin dai primi momenti del corso di formazione in Musicoterapia mi sono resa conto della grande opportunità che avevo di scoprire me stessa. Tutti gli insegnamenti e i docenti che ho seguito con estremo interesse mi hanno dato qualcosa di importante, e mi hanno permesso di “mettere in ordine” tante cose di me, del mio vissuto, della mia vocalità, della musica che ho sempre sentito dentro di me.

Continua a leggere

L’unione fa la musica

Quando si lavora con un gruppo di persone gli stimoli sono tanti, e se quel gruppo di persone ha come denominatore comune la malattia mentale, diventa molto importante mettersi in una posizione di ascolto.

Continua a leggere

Il primo utente non si scorda mai

Ci sono degli eventi inaspettati nella vita che fanno da spartiacque, che generano un “prima” e un “dopo”: una emorragia cerebrale è fra questi. E questo purtroppo è capitato alla mia prima utente, una donna di 54 anni che, all’improvviso, si è svegliata senza poter più muovere la parte sinistra del corpo, e in stato di forte agitazione psicomotoria.

Continua a leggere

  • 1
  • 2

© 2021 Paola Prinzivalli - Privacy and cookie Policy